POLITICA

2013
25
Aprile
Centrodestra e centrosinistra accomunate nella condanna della Corte dei Conti

Amministrazioni di centrodestra e centrosinistra,

Accomunate nella condanna della Corte dei Conti.

Come avevamo chiaramente sostenuto in Consiglio Comunale i parametri che segnalano il deficit strutturale dell'ente comunale sono stati superati non in numero di 4 su 10,come falsamente sostenuto dall'assessore... al fallimento... Gallo; bensi ben cinque su dieci, dovendosi aggiungere, come quinto parametro sforato, quello relativo ai debiti fuori bilancio.

E qui le responsabilità accomunano destra e sinistra, indifferentemente.

Dalla relazione del referendario istruttore della Corte dei Conti si evincono, stigmatizzati dal Magistrato, le seguenti cifre: nel 2008,giunta di sinistra, a fronte di una soglia di 333mila euro, debiti fuori bilancio per 5 milioni e passa.

Complimenti al Sindaco dell'epoca, Valentino, che ambisce a ricandidarsi.

Che faccia tosta.

Nel 2010, Sindaco Giannatempo la soglia di 391 mila euro è stata sforata nettamente, toccando i debiti fuori bilancio la cifra di 2. 848. 281 euro.

La Corte dei Conti conferma quanto da noi assunto in Consiglio.

La Giunta Comunale e i dirigenti comunali hanno sistematicamente celato l'esatto ammontare dei debiti fuori bilancio, nascondendo fatture, debiti, obblighi pecuniari.

Irregolarità contabile gravissima, che sarà sicuramente sanzionata. Ma trattandosi di omissioni dolose e fraudolente sanzionabili a nostro avviso anche in sede penale.

Nella relazione della Corte puntualmente stigmatizzata la vetustà dei debiti, uno dei quali riconosciuto nel 2010, a fronte di una fattura emessa il 2002.

Di questa fattura e di altre, parlò in Consiglio la nostra Loredana Lepore evocando l'odissea di questi documenti dispersi, per anni ed anni, nei cassetti  delle varie amministrazioni di sinistra e di destra.

 

Movimento Politico La Cicogna





Torna Indietro Vai all'archivio

© 2012/'19 LA CICOGNA - Cod.Fisc. 90032720717 - Tutti i diritti sono riservati. | Privacy Policy