POLITICA

2013
13
Dicembre
MATTONE: siamo alle solite!

Consiglio Comunale indimenticabile.

Assediato dagli ultras dell' Audace.

Blindato da Carabinieri e Polizia in assetto anti sommossa (mentre il ricercato De Cosmo, dentro, faceva lo spiritoso).

Con la maggioranza che si è liquefatta.

Con il Sindaco che chiede umilmente.

Il PD agli ordini del barbuto Segretario, autonominatosi stratega consiliare, a elaborare complesse tattiche, nelle quali finisce per incartarsi come un merluzzo.

Dalessandro, sempre più esagitato, che da del pagliacci un po’ a tutti, salvo un minuto dopo tubare piccionescamente con il “caro Antonio”.

Poi... arriva il Mattone, il Dio Mattone, il ricco MATTONE.

E si scatena l'inferno.

Le delibere che sono sotto i nostri occhi, nelle nostre mani, sono carta straccia.

Ce le hanno inviate due giorni fa', ma poi, in Giunta, hanno cambiato.

Il garrulo Di Stefano inventa la categoria delle delibere di Giunta non pubblicate; sarebbe come dire un romanzo mai scritto, una musica mai suonata: una cosa che non esiste.

Ci sarebbe un errore tecnico.

Il tecnico Mastroserio c’è, dovrebbe e potrebbe spiegare.

Fortuna che ha le lenti sui capelli, farei diversamente faticare a distinguere la faccia, che sta sotto le lenti, dal culo.

Dice, non dice, balbetta, si confonde, mente, inventa norme.

Si fa imbeccare come uno scolaretto.

Curiello suggerisce, Giannatempo si raccomanda, l'ingegnere si spalma un bel po’ di cacca sul viso e regge il gioco.

E il terribile Saladino, Casarella, che prometteva fuoco e fiamme, sui giornali della settimana?

Si vergogna ad alzare il braccino, ma timido tiene su la biro.

Bla bla bla bla, ma regge Giannatempo e il suo trio di ingegneri, Vitullo, Marro, Di Stefano, quest' ultimo perfettamente a Suo agio nello sparare cazzate a raffica.

INSOMMA FINISCE CHE LE VARIANTI TORNANO NEL CASSETTO.

Come dicono in tv?

Il prezzo è giusto?

In Consiglio non ancora è giusto il prezzo.

Retromarcia.

Ci vediamo giovedì 19 dicembre. Faranno in due giorni quel che non hanno saputo fare in un anno?

La verità?

BLOISE, IL LORO STESSO TECNICO, E' PERSINO LUI IN DISACCORDO CON LORO.

SAPEVA DI DOVER COMPIACERE I POLITICANTI CHE L'HANNO INCARICATO, MA NON AVEVA FATTO I CONTI CON IL NUMERO E LA ENTITA' DEGLI APPETITI.

Poi esce da narcosi Mansi...

Pur sconsigliato da tutti, prende il microfono per dichiarare che bisogna proprio servire i cittadini.

Spiegate al marziano che ognuno dei suoi vicini di banco serve unicamente i propri interessi. Personali, clientelari, di lobby.

DIO MATTONE, COSA NON SI FA PER TE.

A casa, ci si rivede giovedì.

Faccia di gomma Giannatempo è pronto alla ennesima gogna.

Ahhhhhh, dimenticavo... all’inizio sociologhi pelosi e demagoghi d’accatto si chiedevano perché questa distanza tra popolo e politica.

Mah.

Se si fossero guardati durante il Consiglio, si sarebbero risposti da soli.

Vergogna.

 

Franco Metta

M. P. La Cicogna





Torna Indietro Vai all'archivio

© 2012/'21 LA CICOGNA - Cod.Fisc. 90032720717 - Tutti i diritti sono riservati. | Privacy Policy