POLITICA

2014
11
Gennaio
Uno spreco deliberato illegittimamente

Michele Monterisi ha le prove, carte alla mano, che i premi per 110mila euro complessivi, che la compagnia Giannatempo and friends intende liquidare a immeritevoli dirigenti NON SOLO COSTITUISCONO UN INGIUSTIFICATO SPRECO DI DENARO PUBBLICO, MA PER DI PIU' SONO STATI DELIBERATI IN MANIERA ILLEGITTIMA.
Da un organo di valutazione incompleto nella sua composizione.
In assenza di un requisito essenziale, cioè la preventiva indicazione del parametro di valutazione delle "prestazioni" dei dirigenti.
E' nostra ferma intenzione impedire questo abuso a favore dei soliti noti, che vengono premiati per aver fatto, male, il proprio lavoro.
Altro che premi per performance straordinarie.
Pensino i cittadini in prima fila, tra i premiandi Mandrone, Saracino, Amato, Izzillo.
SUL PUNTO IL PD TACE, OPPORTUNAMENTE.
QUANDO AMMINISTRAVANO LORO LA PRASSI ERA IDENTICA.
E visto che c'è qualcuno in cerca di sfide sociali: il Casarella, confuso, che scambia l' accensione di due semafori per una sfida sociale, lo si avverta.
UNA SFIDA SOCIALE VINTA SAREBBE APPLICARE LA LEGGE, IMPEDIRE SPRECHI, RISPETTARE I CITTADINI IN DIFFICOLTA', ASTENENDOSI DA QUESTE OPERAZIONI CLIENTELARI.
CHE HANNO IL LORO UNICO MOTIVO NELLA NECESSITA' DI AVERE A PROPRIA DISPOSIZIONE DIRIGENTI BEN SAZI, BEN SATOLLI, CHE AVALLINO TUTTO QUELLO CHE GLI AMMINISTRATORI DESIDERANO.
CON PARTICOLARE RIGUARDO AL SOLITO, INCORREGGIBILE, PUTRIDO TERZO PIANO.
Se vinceremo le elezioni, nessuno di questi signori sarà confermato nel ruolo dirigenziale.
NESSUNO.
E' un impegno.
 

Franco Metta
M. P. La Cicogna.





Torna Indietro Vai all'archivio

© 2012/'19 LA CICOGNA - Cod.Fisc. 90032720717 - Tutti i diritti sono riservati. | Privacy Policy