POLITICA

2012
4
Maggio
I SINDACI LICENZIANO EQUITALIA

Licenziare Equitalia, spauracchio del contribuente moroso. E affidare la riscossione delle tasse locali e delle multe direttamente al Comune o a un altro soggetto privato, per avere un servizio "più umano", meno costoso, che sappia distinguere un evasore incallito da un disperato al verde e prostrato dalla crisi. Detta così sembra utopia, ma molti Comuni, tra cui Bologna, Vigevano, Thiene, Lampedusa, l'hanno già fatto.

La Regione Piemonte pure.

Milano e Genova stanno studiando una soluzione.

E persino il Veneto ci sta seriamente pensando.

L'anima della protesta contro i metodi di riscossione dell'agenzia statale, soprattutto ipoteche e fermi amministrativi giudicati troppo severi, si è spostata dunque dai contribuenti tartassati agli enti che di Equitalia sono clienti. Alcune decine di comuni, tra i quali la Bologna, e recentemente anche la Regione Piemonte, hanno rescisso il contratto con Equitalia. O meglio hanno scelto la risoluzione anticipata perché per legge dal 1 gennaio 2013 i comuni non potranno più usufruire di Equitalia per la riscossione coattiva di multe e tasse locali non pagate.

Bologna si è appoggiata a una società privata. Ha cominciato con i tributi sui rifiuti urbani e ha una cartucciera pronta con più di centomila ingiunzioni. Le farà su tutto, dai rifiuti alle multe, alla refezione scolastica. La logicaè più tolleranza per chi è in mora, più severità nell'accertamento. Anche il sindaco di Milano ha ammesso di essere tentato dall'idea.  Così come stanno valutando di abbandonare il riscossore statale Genova, Cortina, Sassuolo e la Regione Veneto.

Una forma di protesta che ha trovato humus fertile soprattutto nella Lega. 

Il Piemonte ha scaricato l'agenzia con due emendamenti alla Finanziaria regionale che porteranno alla nascita di un ente di riscossione locale. I tributi locali devono restare sul territorio. Con Equitalia, infatti, le entrate derivanti dall'aggio (il costo della riscossione, fissato al 9 per cento del valore della cartella esattoriale) finivano allo Stato.

 

 

Giuseppe LEMMA

MP LA CICOGNA





Torna Indietro Vai all'archivio

© 2012/'19 LA CICOGNA - Cod.Fisc. 90032720717 - Tutti i diritti sono riservati. | Privacy Policy