POLITICA

2012
8
Giugno
PER UN MICROFONO IN MANO

 

Che sareste disposti a fare per stare cinque minuti in piedi con un microfono in mano?

E fa nulla se non vi ascolta nessuno?

Io credo che qualcuno sarebbe disposto, se non ad uccidere, a ferirsi, coprendosi di ridicolo.

Ed ogni occasione è buona!

Anche la più tragica.

Terremoto in Emilia.

Lutti e dramma.

Ma oggi c’è Consiglio Comunale.

Fa nulla che sia a Cerignola, sperduta o meno località della lontana Capitanata.

Parla Vespa, parla Santoro ed io – non io chi scrive, uhè, - ma il nostro protagonista ignoto, si sente meglio di tutti questi giornalistucoli.

Lui sì che ha la maniera bella e cotta per dare prova di concreta solidarietà.

Ed eccola, la propostona, da lasciare con la bocca aperta l’uditorio.

Lui pensa per l’ammirazione; non sa che la bocca aperta è indice di stupore per la capacità di sparare la cazzata (e torno sull’argomento) solenne e consacrata.

“Diamo ai terremotati” dichiara il Floris in sedicesimo – “l’Interporto di Cerignola”.

Ora, dovete sapere, che l’Interporto di Cerignola non lo vuole nessuno, che è ridotto ad una landa desolata e disabitata, se non fosse per le serpi, i topi e gli insetti.

Non c’è un servizio, un capannone agibile, un luogo decente per un qualsivoglia utilizzo.

E’ un disastro, senza terremoto.

Perché non lo offriamo ai terremotati?

Lui,il retore, già li vede gli emiliani, trasferiti all’Interporto di Cerignola.

V’è caduto il capannone dove facevate strumenti per l’elettro meccanica?

Venite a Cerignola.

Vi mettete nel deserto e lì vi consolate.

Certo è un po’ complicato venire avanti ed indietro, ogni mattina, dall’Emilia, ma alzandosi presto, magari ci riuscite.

Anche questo ci deve capitare si sentire.

Come ci è capitato di sentire dal Ministro della Giustizia – e se questo è il Ministro, figuriamoci il resto – che la ricostruzione deve essere affidata ai detenuti.

A quelli che stanno in carcere?

Ottima idea.

Li prendiamo, li portiamo in Emilia, lavorano e poi… in serata li riportiamo in cella; magari nel carcere mandamentale di Altamura!

Facile prenderli di là e portarli in Emilia, più facile ancora riportarli in giù.

C’è il piccolo problema della sorveglianza, ma che volete che sia per mille detenuti bastano cinquemila agenti di custodia.

Li mettiamo su un treno blindato, magari in Germania ne è rimasto qualcuno.

E’ il festival della cazzata, in libertà o detenuta.

E non si fermano davanti a nulla.

Avevano visto mafia e terrorismo in un episodio tragico e drammatico, palesemente frutto della follia individuale, come quello capitato a Mesagne.

Ma che fa?

Il momento di gloria l’abbiamo vissuto.

Il microfono.

Il palchetto.

L’uditorio.

Poi si torna a casa a domandare a moglie, figli, zie e nipoti, se sono stato bravo!

Una Nazione di chiacchiere e cazzate.

Berlusconi la spara grossa.

Vorrebbe stampare l’euro in proprio.

Come Totò e Peppino nella banda degli onesti.

Nessuno che la liquidi come la cazzata del secolo.

Passa per la proposta di uno statista.

E dopo due ore nessuno più se la ricorda.

Anzi,è l’interessato a dire,che stava scherzando o cazzeggiando,meglio.

Nel frattempo, però, le vecchie zie rifatte, alla Santa Che?, l’hanno presa sul serio e rilanciato nell’orbe terraqueo.

Umorismo fine, se fossero ironiche.

Cazzate super soniche, visto che sono affermate con la massima serietà e supponenza..

Poi c’è qualcuno che si meraviglia che un comico possa avere il 20% dei voti.

Ma è giusto così.

Se a Grillo, che non cela di essere un uomo di spettacolo, l’uscita astrusa può essere perdonata, come si fa a pretendere di amministrare anche solo un Comune con l’idea di portare a spasso i terremotati per l’Italia.

Come si può amministrare la Giustizia, programmando migrazioni di carcerati per l’Italia.

Come si pretende che l’Europa ci prenda sul serio se il nostro fu Premier propone soluzioni alla Totò e Peppino ?

Dunque, è il momento di decidere!

Se sono questi coloro che dovranno prevalere, che dovranno governare, amministrare, aboliamo le elezioni: nazionali, regionali, comunali.

Basterebbe una edizione speciale di “La sai l’ultima?”.

Chi vince, governa!

 

Franco Metta

 





Torna Indietro Vai all'archivio

© 2012/'19 LA CICOGNA - Cod.Fisc. 90032720717 - Tutti i diritti sono riservati. | Privacy Policy